«Quartieri di New York City» : Esplorando il West Village con Pauline Lévêque

Intervista di Rachel Brunet, direttrice e caporedattrice del Petit Journal New York

BARNES New York ti invita nella sua serie di articoli senza titolo "New York City Neighborhoods", dove puoi scoprire regolarmente i diversi quartieri della città, agli occhi dei francofoni che si sono stabiliti lì. Ci raccontano tutto del loro quartiere, con le loro parole, i loro gusti, le loro abitudini. Oggi facciamo una passeggiata nel West Village, in compagnia dell'illustratrice Pauline Lévêque. Con suo marito, lo scrittore Marc Levy, e i loro due figli, vive da dodici anni in questo quartiere di West Manhattan. L'artista, che espone l'11, 12 e 13 novembre a Brooklyn, ci mostra il suo quartiere, con le sue ispirazioni e abitudini. E senza dubbio, le sue gioie quotidiane...

Lepetitjournal.com New York: Vivi nel West Village. Cosa ti ha attratto di questo quartiere?

Pauline Lévêque: Prima di stabilirci al Village, io e mio marito vivevamo a Londra. C'è un lato inglese, verde e calmo in questo quartiere, ma qui il cielo è azzurro quasi ogni giorno. Le strade sono affascinanti, le pietre marroni superbe e non senti davvero la frenesia di New York. È una piccola oasi di pace nel cuore di Manhattan.

Puoi raccontarci la vita in questo quartiere, l'atmosfera? Cosa lo fa vivere, cosa lo guida?

È davvero la vita del villaggio. Conosciamo i nostri vicini, il fattorino UPS, i commercianti, gli anziani del quartiere, l'acquarellista che disegna gli angoli delle strade, il violoncellista che suona le stesse melodie da dodici anni, il venditore di sigarette, il dog sitter… E noi trova un branco di cani! Quasi quanto i bambini! È molto gioioso e cordiale passeggiare per le vie del Villaggio. Ma a seconda delle festività, come per la sfilata di Halloween, non è raro imbattersi in personalità stravaganti, felici o spaventose. I negozi di Bleecker Street hanno sofferto molto della pandemia, ma come il resto della città, stiamo vivendo una nuova vita e stiamo scoprendo nuovi marchi. I ristoranti sono tutti installati sui marciapiedi e nelle strade, il che dà un lato "bistrot" europeo.

Sei una mamma. Com'è la vita con i bambini e una famiglia al TriBeCA? Ci sono molte famiglie?

Sì molto. I miei figli frequentano entrambi una scuola del quartiere e la maggior parte dei loro amici vive lì. Andiamo a scuola a piedi o in motorino, ci incontriamo con gli amici per strada. È facile anche per le date di gioco dell'ultimo minuto e i giri del parco giochi. Ci sentiamo molto al sicuro nel villaggio. È un quartiere molto “a misura di bambino”. A riprova, il camion della gelateria fa il suo giro quotidiano quasi tutto l'anno!

Sei un artista. Puoi farci scoprire questo quartiere con le tue parole? È questo un quartiere che ti ispira?

Molto. La vista delle strade alberate, i vicoli delle case a schiera, la vista dalle rive del fiume Hudson... La zona non ha molti edifici alti rispetto al resto della città, quindi posso vedere il cielo ad ogni passeggiata , guarda i tetti dei piccoli edifici con le loro torri d'acqua, divertiti con i graffiti e guarda la Freedom Tower sul trono alla fine della 7th Avenue.

Puoi descrivere dove vivi, cosa ti ha attratto, cosa ti piace della tua casa?

Il villaggio è diverso da qualsiasi altra parte di Manhattan. A differenza del resto della città, le strade non sono numerate, ma hanno nomi. Prima di vivere qui, mi sono sempre perso in questo quartiere e avevo un debole per l'angolo tra Perry Street e W4th. Ho la fortuna di vivere vicino a questo angolo che mi ha fatto sognare. E ancora non mi stanco.

Da europeo, trovi un lato un po' europeo in questo quartiere attraverso gli abitanti, i negozi, le scuole?

Assolutamente! Penso che la stragrande maggioranza delle persone nel West Village siano americane, ma l'area ha davvero un'atmosfera europea. A proposito, Diptyque, Sandro, Maje, Bash si trovano in Bleecker Street. Le scuole sono a misura d'uomo.

I tuoi posti preferiti nel West Village?

Lungo il fiume Hudson, il negozio di abbigliamento per bambini “Pink Chicken” in Bleecker Street, i ristoranti “Mary's fish camp”, “La Sevilla”, “Buvette”, “Bobo”, “Nami Nori”, “En Japanese »… Gay street , Morton e Bedford Street, St Luke's place... Smalls jazz club su W10th. Ecc, ecc!

È un quartiere che consigli a chi vuole acquistare o affittare?

Certo, per entrambi. Il West Village è una zona costosa, ma se te lo puoi permettere, è la zona più bella per me in cui vivere.

Se dovessi descrivere il West Village in tre parole?

Affascinante. Calma. Villaggio!

GLI ESPERTI DISCUTONO – West Village

Mercato degli affitti nel West Village: Durante il terzo trimestre del 2021, l'affitto medio per un appartamento nel West Village è stato di $3.000 per uno studio, $4.000 per una camera da letto e $5.500 per una camera da letto 2.

Mercato di vendita nel West Village: Nel terzo trimestre del 2021, in tutto il West Village, il prezzo medio richiesto dai venditori è $2.100 / piedi quadrati.

Intervista di Rachel Brunet, direttrice e caporedattrice del Petit Journal New York

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

it_ITItalian
Consenso sui cookie con banner sui cookie reali