«Quartieri di New York City»: esplorando il Lower East Side

Intervista di Rachel Brunet, direttrice e caporedattrice del Petit Journal New York

BARNES New York ti invita nella sua serie di articoli senza titolo "New York City Neighborhoods", dove puoi scoprire regolarmente i diversi quartieri della città, agli occhi dei francofoni che si sono stabiliti lì. Ci raccontano tutto del loro quartiere, con le loro parole, i loro gusti, le loro abitudini. Oggi esploriamo il Lower East Side, il “LES”, con Ingrid Jean-Baptiste, co-fondatrice del Chelsea Film Festival, la cui 8° edizione si svolgerà dal 15 al 18 ottobre 2020.

Ieri un quartiere ancora visto come il luogo dedicato agli immigrati, ai poveri, ai vagabondi e ai drogati. Oggi, un quartiere chic, dove si fa festa, anche se forse un po' meno in quest'epoca di pandemia di Covid. Il tempo e la storia hanno plasmato il volto del Lower East Side. Nella storia di New York, il Lower East Side è la “Gateway of America”. È attraverso questo quartiere che gli immigrati sarebbero arrivati alla terra promessa. Queste strade strette hanno visto ogni ondata di migranti fuggire dai loro paesi. Inoltre, il Tenement Museum, simbolo riconoscibile del quartiere, è un vero tuffo nella vita di queste famiglie che hanno riposto la loro ultima speranza nel dirigersi verso un mondo nuovo e sconosciuto. In questo quartiere in continua evoluzione, le culture si sovrappongono e si mescolano. Il cuore del quartiere batte tra Allen a ovest ed Essex a est, East Houston a nord e Canal a sud.

Le Petit Journal New York: Vivi nel quartiere del Lower East Side. Cosa ti ha attratto di questo quartiere?

Ingrid Jean-Baptiste : Quando sono arrivato a New York nel 2010, mi sono trasferito al Chelsea, che mi piace molto. Negli ultimi anni ho vissuto nel Lower East Side, che ha una storia molto speciale. È in questo quartiere che migliaia di persone sono immigrate quando sono arrivate dall'Europa alla fine del XIX secolo, inizio del XX secolo: Irlanda, Germania, Grecia, Russia, Slovacchia, Romania, Ungheria… C'è una vera e propria “vita di quartiere ”, come si può trovare a Parigi o in altre città europee, il che è apprezzabile. Sono stato subito conquistato dall'architettura e dagli edifici "a misura d'uomo" (ride).

Puoi raccontarci la vita in questo quartiere, l'atmosfera? Cosa lo fa vivere, cosa lo guida?

Il LES, come viene chiamato qui, è molto piacevole nei giorni feriali, perché c'è pochissimo traffico. Ci sono molte gallerie d'arte, ristoranti insoliti. È ancora uno dei pochi quartieri di Manhattan rimasto autentico, con pochissimi grandi rivenditori, cosa sempre più rara a New York. Ciò che lo rende vivo è l'intreccio di culture, molto più presente a South Manhattan che nel resto della città.

Com'è la comunità nel Lower East Side?

La popolazione di LES è composta da diverse origini cinesi, portoricane, dominicane, ebree, italiane, a causa delle numerose ondate di immigrazione, che rendono la zona molto carina. Il quartiere è diventato, negli anni, molto trendy, con le sue gallerie d'arte, piccoli negozi, ristoranti e bar.

I tuoi posti preferiti e buoni posti dove andare?

Mel Bakery, Essex Market, Ludlow House, Whipped Urban Dessert Lab, Bario Chino, Caffe Vita, Petisco Vegano

È un quartiere che consiglieresti a chi vuole comprare o affittare un posto?

Sì, sicuramente entrambe le opzioni.

Se dovessi descrivere il Lower East Side in 3 parole?

Autentico, vibrante, artistico.

GLI ESPERTI DISCUTONO – Lower East Side

MERCATO NOLEGGIO:

Ad agosto 2020, negli edifici con portiere, lo studio ha trovato un acquirente medio a $ 2.900 al mese, gli appartamenti con 1 camera da letto a $ 3.800, i 2 camere da letto a $ 5.450. Senza portiere, gli affitti sono quindi rispettivamente $ 2.350 (monolocale), $ 2.500 (1 camera) e $ 3.100 (2 camere).

MERCATO DI VENDITA:

Nel secondo trimestre del 2020 gli effetti del Covid-19 si sono fatti sentire fortemente in questo quartiere, dal momento che il numero delle transazioni è sceso di oltre 65% a una trentina. Gli indicatori vanno quindi presi con grande cautela. Questi ultimi indicano ancora un prezzo medio di $ 1.728 / sqft (-11% su un anno), un prezzo medio di transazione di $ 1M (-20%), leggermente al di sopra del prezzo medio per l'intera Manhattan ($ 989k, o -25%).

Intervista di Rachel Brunet, direttrice e caporedattrice del Petit Journal New York

Leggi l'articolo su Le Petit Journal New York

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

it_ITItalian
Consenso sui cookie con banner sui cookie reali