«Quartieri di New York City»: esplorando Harlem

Intervista di Rachel Brunet, direttrice e caporedattrice del Petit Journal New York

BARNES New York ti invita nella sua serie di articoli senza titolo "New York City Neighborhoods", dove puoi scoprire regolarmente i diversi quartieri della città, agli occhi dei francofoni che si sono stabiliti lì. Ci raccontano tutto del loro quartiere, con le loro parole, i loro gusti, le loro abitudini. Oggi esploriamo Harlem, quartiere storico nel nord di Manhattan, con Sophie Thuault-Restituito, Capo di Stato Maggiore dell'Herbert e Firenze Irving Institute for Cancer Dynamics presso la Columbia University. Originaria di Tropez, vive a New York dal 2004, vive a West Harlem da 8 anni con suo marito e i loro due figli.

Vivi nel distretto di Harlem. Cosa ti ha attratto di questo quartiere?

Sono stato sedotto da diverse cose. Prima di tutto, la diversità. C'è un mix di afro-americani, africani di lingua francese ed europei e tutti vivono insieme. È anche molto orientato alla famiglia e molto basato sulla comunità. Incontriamo spesso qualcuno che conosciamo tornando a casa da scuola. È anche molto tranquillo e verdeggiante, vicino a Morningside Park o Central Park. Ci sono anche molti altri parchi ad Harlem come Saint Nicolas Park, Jackie Robinson Park o Marcus Garvey Park. Il traffico è meno denso rispetto al centro città e puoi facilmente andare in bicicletta. Il "pendolarismo" è facile con diverse linee di metropolitana e autobus.

Puoi raccontarci la vita in questo quartiere, l'atmosfera?

È una zona molto vivace. Persone di culture e ambienti sociali diversi si incontrano. Il quartiere è pieno di piccoli ristoranti, caffè, supermercati. Ci sono anche diverse generazioni lì: giovani donne afroamericane che escono nei bar in gruppo, famiglie che fanno barbecue o picnic al Morningside Park, adolescenti che si incontrano nel parco.


Cosa fa vivere questo quartiere, cosa lo spinge?

Persone che frequentano ristoranti, caffè e bar, ma anche bambini che frequentano i parchi giochi del parco o persone che fanno jogging o portano a spasso i loro cani.

Sei una mamma. Com'è la vita con i bambini ad Harlem?

È molto facile perché ci sono molte cose nelle vicinanze e il quartiere è abbastanza sicuro da consentire ai bambini di essere rapidamente indipendenti. I miei figli vanno da soli a Morningside Park oa Central Park per incontrare i loro amici e vanno anche a scuola da soli. Uno dei miei figli va in una scuola bilingue nell'Upper West Side e fa i viaggi con una delle sue amiche in metropolitana. Ci sono molte famiglie che fanno lo stesso viaggio, quindi si incontrano con gli altri bambini e camminano insieme. La mia figlia maggiore sta frequentando il liceo a East Harlem. Fa anche i viaggi con gli amici in autobus. Ci sono anche diversi asili nido nel quartiere.

I miei due figli stanno entrambi prendendo lezioni di taekwondo al West Side Taekwondo, che è a un isolato di distanza da casa nostra, dove incontrano, ancora una volta, i bambini del vicinato. Mia figlia gioca per una squadra di calcio, la West Side Soccer League, e va ad allenarsi principalmente da sola nell'Upper West Side.

Ci muoviamo spesso a piedi, in scooter o in bicicletta. Anche il trasporto pubblico è molto comodo. Abbiamo diverse linee di metropolitana e autobus. E personalmente, amo la vicinanza al mio lavoro e i miei 10 minuti a piedi, dal momento che lavoro al Morningside Campus della Columbia.

È un quartiere adatto alle famiglie?

È un quartiere molto adatto alle famiglie e alla comunità. Questo è ciò che mi piace! Tutti si aiutano a vicenda. Siamo solidali con le nuove famiglie nel parco. Incontriamo altre famiglie della scuola bilingue per un picnic o un incontro di gioco nel parco.

Puoi mostrarci questo quartiere con parole tue?

Pietre marroni o edifici bassi, piccoli negozi locali, ristoranti e caffè, diversità culturale ed economica, parchi pieni di bambini.

Trovi un lato un po' europeo di questo quartiere attraverso gli abitanti, i negozi, le scuole?

Sì, molte famiglie del quartiere frequentano la scuola bilingue della PS 84, o Lafayette Academy, nell'Upper West Side. O anche al NYFACS. Ci sono anche diversi ristoranti italiani e un ottimo Café Caféine che ha croissant e pain au chocolat degni di quelli che si trovano in Francia. Ci sono un sacco di piccole imprese locali...

I tuoi posti preferiti ad Harlem?

Ci sono così tanti ! Diversi ristoranti come Lido e Vinateria, due ristoranti italiani; Row House, piuttosto americana; Maison Harlem, dove puoi mangiare il cous cous! Sylvana, cucina mediorientale, che ospita anche concerti la sera. Melba, per la cucina dell'anima; Harlem Burger, Cantina Taqueria per i suoi tacos e margarita; Café Caffeine con un ottimo cappuccino ei suoi famosi croissant e pain au chocolat; Levain Bakery, con i suoi famosi biscotti; Les Ambassades, pasticceria franco-africana; Bagel O per i suoi bagel fatti poco prima i nostri stessi occhi; la Winery, sulla 116th Street, che ha una selezione di vini a prezzi molto buoni; la gastronomia, Amrita, sulla 110th Street e Central Park West, una piccola brasserie molto accogliente, molto buona e non costosa; la società di noleggio biciclette della porta accanto; il negozio di ferramenta su Frederick Douglass Boulevard. Ci sono anche alcuni ristoranti molto carini più in basso a Central Harlem come Harlem Shake, Barawine, Sottocasa... E tutti i nuovi posti che continuano ad aprire!

È un quartiere che consigli a chi vuole acquistare o affittare?

Sì ! Viviamo lì da 8 anni e la pandemia non ci ha sloggiato! Noi restiamo !

Se dovessi descrivere Harlem in 3 parole?

Diversità, comunità e parco.

GLI ESPERTI DISCUTONO – Harlem

MERCATO NOLEGGIO:

Spesso è più economico affittare un appartamento ad Harlem che più a sud a Manhattan. In media, ci vuole $ 2.900 (o $ 2.300 senza portiere), in calo di circa 5% in un anno. Negli edifici con portiere, lo studio viene affittato in media a $ 2.450 al mese, il 1 camera da letto a $ 2.950 ($ 4.000 media Manhattan), il 2 camere da letto a $ 3.950 (rispetto a $ 5.800 in media a Manhattan).

MERCATO DI VENDITA:

Nel secondo trimestre del 2020, il prezzo di vendita medio è stato di $ 685.000, in calo di 25% rispetto allo scorso anno, a causa del Covid. Ci sono state un totale di 66 transazioni, un calo di oltre 50% rispetto al secondo trimestre dello scorso anno. Il prezzo medio per piede quadrato era $ 828, che rimane ancora vicino a quello del 2019. Alla fine di giugno 2020, come promemoria, il prezzo medio di vendita a Manhattan era $ 989.000.

Intervista di Rachel Brunet, direttrice e caporedattrice del Petit Journal New York

Leggi l'articolo su Le Petit Journal New York

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

it_ITItalian
Consenso sui cookie con banner sui cookie reali