Incontra il membro: Yann Rousseau, Managing Partner, BARNES New York – la Camera di Commercio franco-americana

Incontra il membro: Yann Rousseau, Managing Partner, BARNES New York

Intervista della Camera di Commercio franco-americana

Yann Rousseau, Managing partner di BARNES New York, ha avuto il privilegio di essere intervistato dalla Camera di commercio franco-americana questa settimana. Scopri di più sull'uomo che guida l'agenzia BARNES nella Grande Mela.

Originario della Francia, Yann è cresciuto a Parigi, ma ora considera Bordeaux e Arcachon la sua casa. Ha completato tre master in ingegneria ambientale, economia ambientale e gestione del vino e degli alcolici. Ha vissuto in più di una dozzina di città in sei paesi e tre continenti (Francia, Seychelles, Regno Unito, Italia, Burkina Faso, Stati Uniti).

Dopo aver lavorato per diversi anni nel campo dello sviluppo e dell'aiuto umanitario (Nazioni Unite, governo francese, governo delle Seychelles, settore privato...), Yann ha deciso di trasferirsi negli Stati Uniti e intraprendere una nuova carriera. Stabilitosi originariamente a Miami, ha iniziato la sua carriera come consulente immobiliare nel 2013.

Da allora Yann assiste i clienti da affitti modesti a case lussuose, nuovi sviluppi e acquisizioni redditizie sia per scopi di flusso di cassa che per guadagni in conto capitale. Per lui si tratta di supportare ogni singolo cliente, indipendentemente dal suo budget e dalle sue intenzioni, per realizzare i suoi progetti immobiliari in piena serenità e fiducia. Crede nelle relazioni a lungo termine che passano gradualmente da inquilino, proprietario e investitore.

FACC-NY: In qualità di ingegnere con un background in economia e nel settore pubblico e privato in 6 paesi in 3 continenti, cosa ha guidato la tua decisione di lavorare nel settore immobiliare con Barnes New York? 

In realtà è iniziato per fortuna quando mi sono trasferito negli Stati Uniti (Miami) per seguire mia moglie, che è originaria del sud della Florida. Sua madre ha un modesto portafoglio immobiliare e siccome allora non avevo un grande piano di carriera, mi ha chiesto di occuparmene mentre stavo cercando di capire le cose. Mi è piaciuto scoprire un nuovo settore e iniziare una nuova carriera negli Stati Uniti. Sono entrato in una società di intermediazione di boutique a Miami, e poi sono entrato rapidamente nell'ufficio di BARNES. Dopo un paio d'anni lì, BARNES mi ha dato l'opportunità di rilanciare l'operazione a New York. Quindi ci siamo trasferiti a nord alla fine del 2018 e ho riaperto BARNES NY insieme al mio partner Christophe Bourreau. Due anni dopo, abbiamo reclutato 12 agenti e abbiamo raddoppiato il miglior anno di attività mai registrato per l'ufficio. E stiamo per aprire una nuova agenzia, a Larchmont, che copre l'area di Westchester.   

FACC-NY: Come valuta lo stato attuale degli immobili nel periodo Post-COVID?

Difficile da definire con precisione perché la situazione resta fluida. Tutti hanno sentito parlare di un esodo da Manhattan, ma quando guardiamo al terzo e quarto trimestre del 2020, i numeri sono in realtà persino migliori di quelli che erano allo stesso tempo nel 2019. C'è ovviamente un "recupero" non trascurabile effetto, dove gli ultimi due trimestri tendono a compensare un inizio 2020 molto lento. Ora, nel 2021, possiamo assistere a una forte ripresa dal lato della rivendita, anche se il mercato rimane teso sul fronte degli affitti. È sicuramente un mercato di inquilini, e in qualche modo rimane un mercato di acquirenti anche se in proporzioni minori rispetto al 2020. Ipotizziamo una diminuzione generale del prezzo (rivendita) di 8% in tutta Manhattan, con alcuni quartieri che resistono meglio di altri. I nuovi sviluppi stanno soffrendo molto di più e possiamo facilmente ottenere sconti a 2 cifre. Per quanto riguarda l'affitto, i proprietari devono lasciare sul tavolo almeno 2 mesi di affitto gratuito per trovare inquilini.

FACC-NY: Quanto spera BARNES New York per la ripresa economica a New York? 

Visto il livello di sofferenza che si registra in tutta la Città, bisogna restare modesti. Sebbene i rappresentanti del settore si impegnino a farci classificare come lavoratori essenziali, siamo qui solo per continuare ad assistere i nostri clienti nel modo più sicuro possibile. Le persone devono ancora trasferirsi e trovare un posto dove vivere. Parallelamente, continuiamo a comunicare molto su New York e sull'importanza di un tale investimento immobiliare, in un momento in cui le notizie fanno finta che tutti stiano fuggendo dalla City. New York sarà sempre New York, e questo rimarrà uno degli investimenti più sicuri che si possano fare in un mondo così volatile.

FACC-NY: In genere vedi molte riduzioni di prezzo nella scena immobiliare di New York a causa della pandemia?

Infatti, come indicato in precedenza, circa 8% complessivi a Manhattan per la rivendita e circa 2 mesi di affitto gratuito per gli affitti. Si tratta di una media e alcuni tipi di proprietà, ad esempio case a schiera o unità di alto lusso, soffrono meno e sembrano resistere bene alla tempesta. Inoltre, i quartieri più ricercati (SoHo, Tribeca, prime UES...) non hanno subito un gran colpo, se non del tutto, a differenza di quelle aree che dipendono fortemente dalle forze del mercato. L'esempio “migliore” è rappresentato dal Financial District e dalle principali Università (NYU/Columbia), dove la mancanza di presenze ha sicuramente avuto un impatto sul mercato locale. Inoltre, i nuovi sviluppi sono i più colpiti dalla pandemia, perché le loro scadenze (regolamentari o finanziarie) li spingono a spostare il loro inventario a quasi tutti i costi. Gli sconti per questa classe di attività possono facilmente variare oltre 20%, il che è assolutamente senza precedenti; in passato i margini di negoziazione per le nuove costruzioni tendevano ad essere prossimi allo zero.  

FACC-NY: Come si fa a scegliere gli annunci nella nuova normalità? Quali sono le caratteristiche che rendono oggi un luogo particolarmente appetibile per gli acquirenti? 

Come ci si può aspettare, tutto ciò che offre un senso di spazio, aria, respiro o verde, oggi rappresenta un vantaggio più forte. In passato, le persone non sembravano preoccuparsi troppo di una vista ostruita e stavano invece bene con un piano basso in una strada buia, purché la posizione fosse ottima e le dotazioni in abbondanza. Ora, acquirenti e inquilini si rendono conto che potrebbero dover trascorrere molto più tempo nel loro appartamento e durante il giorno, quindi devono essere in grado di sentirsi meno claustrofobici. Le case a schiera sono un must in questo senso. E, naturalmente, gli accordi "flex" sono ora un must. Le unità con spazi aggiuntivi (tane, angoli, logge…) che possono essere utilizzati per gli uffici domestici sono più attraenti che mai. 

FACC-NY: In quali tipi di fasce di prezzo stai vedendo il maggior movimento in questo momento?

Tutti cercano un accordo ma la gente deve ancora traslocare e trovare un tetto. Fondamentalmente, non abbiamo visto un grande cambiamento nei punti di prezzo perché, per quanto le proprietà a prezzo d'ingresso saranno sempre ricercate, le persone che possono acquisire proprietà multimilionarie sono sparse in tutto il mondo. E sono loro che ora hanno un occhio particolare al mercato per vedere quali sono le opportunità. D'altra parte, abbiamo lentamente iniziato a vedere alcuni punti di prezzo che non vedevamo da tempo nella City, come unità condominiali sotto $500k o cooperative sotto $400k. Il punto di ingresso si sta sicuramente abbassando e si vende con uno sconto.

FACC-NY: Cosa ti ha portato a unirti alla comunità FACC-NY?

Originariamente siamo un'azienda francese, con solide radici in Francia, dove si svolge la maggior parte dell'attività di BARNES. È naturale per noi essere un membro attivo della comunità francese ovunque abbiamo un ufficio, e la Camera di Commercio è spesso un eccellente relè a tal fine. Inoltre, siamo spesso il punto di ingresso per aziende e privati che si trasferiscono nella City dalla Francia (o da aziende francesi), quindi ha assolutamente senso per noi essere membri della Camera. Serviamo tutte le parti interessate, ma la nostra clientela principale rimane strettamente legata alla Francia.

Leggi l'articolo sul sito FACC

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

it_ITItalian
Consenso sui cookie con banner sui cookie reali