BARNES Magazine n°31 è uscito dalla stampa

La rivista BARNES Primavera-Estate 2022 è appena uscita dalla stampa e presenta Corinne Mentzelopoulos, imprenditrice franco-greca che possiede e gestisce la prestigiosa tenuta vinicola di Bordeaux, Château Margaux. Ha fatto a BARNES l'onore di fare un giro del suo magnifico vigneto, circondata da due dei suoi figli, Alexandra e Alexis, che si sono anche uniti all'impresa di famiglia.

Scopri la storia di Christofle, una rinomata azienda di argenteria e articoli per la tavola, che ha rivoluzionato le arti culinarie, introducendo nuove innovazioni e tecniche rivoluzionarie. Potrai saperne di più sull'architettura e l'interior design con il lancio del nuovo dipartimento BARNES, BARNES Interiors.

Scopri una selezione di arte, vino, le migliori destinazioni per le vacanze e le ultime novità sulla moda. Sfoglia una selezione delle nostre proprietà più eccezionali in città internazionali, in Francia, così come in destinazioni di campagna, mare e regioni montuose. Clicca sul link per accedere alla versione online della rivista:

Il mercato immobiliare di New York nel 2022

Intervista a Yann Rousseau, Managing Partner di BARNES New York

Il mercato immobiliare di New York affascina il mondo. Ma è stabile e forte? Quanto può essere redditizio un investimento? I nuovi programmi sono interessanti? Yann Rousseau, Managing Partner di BARNES New York, la sede newyorkese del prestigioso marchio immobiliare francese BARNES, risponde alle domande del distretto francese.

BARNES Global Property Handbook 2022

Durante la crisi sanitaria, le acquisizioni continuano! Tutti dovettero adattarsi durante quei due anni e i più ricchi fecero lo stesso. In un contesto di ripresa economica più rapida del previsto, la classifica delle principali città internazionali è tornata a ribaltarsi stato capovolto. Il BARNES Global Property Handbook, pubblicato una volta all'anno, approfondisce i mercati immobiliari globali e l'ultima edizione è fresca di stampa, mostrando risultati promettenti per città come Miami, Austin, Tokyo, Ginevra e Parigi, che costituiscono la Top 5 del BARNES City Index, un mix di scommesse sicure e scommesse sull'attrattiva economica.

«Nel 2022 il BARNES City Index non è mai stato così vario, evidenziando rialzi fulminei come Madrid, Mosca e Praga, ma anche scommesse sicure tradizionali come Londra, New York e Tokyo. Il riflesso dei cambiamenti causati dalla crisi sanitaria e soprattutto la capacità di adattamento delle grandi fortune», commenta Thibault de Saint Vincent, Presidente di BARNES.

In vetta alla classifica compaiono cinque città che hanno convinto gli investitori sia per la loro attrattività che per i loro fondamentali: Miami, già sorpresa dalla Top 2020 dove era 4°, occupa il 1° posto, seguita da Austin che balza dal 24° al 2° posto. Tokyo resta buona terza, seguita da Ginevra che passa dall'8° al 4° posto e Parigi, che sale dal 7° al 5° posto. Gli Stati Uniti stanno quindi facendo la parte del leone per via dei rapidi sviluppi economici, mentre il Giappone e l'Europa, la «Old Wave», stanno riuscendo a reinventarsi.

«La vecchia Europa sta riacquistando il suo status precedente, con cinque città nella Top 10 (Ginevra, Parigi, Londra, Madrid, Stoccolma), a testimonianza di un ritorno ai tradizionali valori di sicurezza che erano, prima della crisi sanitaria, i grandi assidui Indice delle città di BARNES», spiega Thibault de Saint Vincent. Lo stesso vale per New York e Toronto, che stanno tornando anche loro. 

Nuova installazione artistica presso BARNES New York e Westchester

BARNES New York & Westchester continua la sua collaborazione e partnership con G&O ART con un'installazione in tandem di opere di José van GOOL della serie PASSION & MOVEMENT in mostra per tutto il mese di gennaio.

Questi dipinti abitano un movimento unico per van Gool, che evoca attraverso la sua drammatica carica di colore.  

Un personaggio solitario o un gruppo sono sempre il presunto fulcro della composizione. Gli abiti delle donne si scompongono in campi di colore, rossi e arancioni esasperante, così che ciò che lo spettatore ha visto all'inizio sembra aver innescato un ambiente incerto, più astratto e sconosciuto, ma anche più appassionato. La maestria del colore di Van Gool guida queste opere emotive, poiché i ballerini che crea in effetti si perdono, consumati dalla materia calda e secca del mondo, come foglie fragili cadute che stanno per prendere fuoco.

José van Gool esplora il rapporto tra colore e movimento, con volti leggermente sfocati che prendono la forma di donne quotidiane e anonime. Le tonalità rosse, gialle e arancioni portano calore e una luminosità brillante, creando l'illusione di una fiamma aperta che illumina la stanza.


G&O ART è un'agenzia di rappresentanza e promozione per artisti contemporanei internazionali, un'esperta di fonti d'arte unica che si rivolge a collezionisti privati e aziendali, istituzioni e fondazioni internazionali, industrie dell'ospitalità e del lusso, gallerie, commercianti d'arte e musei. Basando il suo successo su uno stretto rapporto di lavoro con tutti i clienti, G&O ART fornisce un'ampia gamma di arti visive di artisti nazionali e internazionali riconosciuti ed emergenti.


Arte sullo sfondo con il logo rotondo BARNES sulla sovrapposizione della finestra.

Attore dinamico nel mercato dell'arte dal 2000, su impulso del suo fondatore Heidi Barnes, BARNES Art advisory sostiene i giovani talenti nella creazione contemporanea attraverso a programma delle mostre e Installazioni d'arte presso prestigiose sedi in cui si afferma il marchio e attraverso partnership con importanti manifestazioni artistiche (FIAC, PARIS PHOTO, ecc.).

Maggiori informazioni su BARNES Art Advisory

Contattaci

Art of Living: BARNES si sta espandendo a Westchester e nel Connecticut

BARNES realty è affermata a livello internazionale, con più di 100 uffici in tutto il mondo in 20 paesi diversi, nelle migliori destinazioni e capitali mondiali che sono degne della sua reputazione. Era solo il passo successivo per aprire un ufficio a Larchmont, Westchester, un sobborgo di New York molto ambito, a 40 minuti di treno da Manhattan. L'area è molto ambita dai pendolari di New York e dai gestori patrimoniali, e sempre più persone che lavorano lontano dalle grandi città come New York City.

La filiale del Connecticut è ancora in divenire, ma per un buon inizio, con gli Hamptons che probabilmente seguiranno subito dopo.

Una maggiore presenza sul mercato in località di prim'ordine come Westchester, Connecticut e The Hamptons è il logico passo successivo per il marchio e consentirà a BARNES di assistere i propri clienti a livello locale con il miglior livello di servizi.

BARNES Interiors, il nuovo servizio di architettura e ristrutturazione

BARNES è lieta di annunciare il lancio di BARNES Interiors, un nuova architettura e servizio di ristrutturazione dedicato ai clienti di fascia alta creato dall'associazione di BARNES e la start-up hemea, che ha accompagnato più di 2.500 progetti in lavori di ristrutturazione dalla A alla Z dalla sua creazione nel 2015.

BARNES Interiors si rivolge a tutti i proprietari di case che desiderano una ristrutturazione di qualità, che siano o meno clienti di BARNES. La promessa? Realizzare ogni progetto, rispettando i tempi e il budget, grazie alla competenza di architetti accuratamente selezionati per rispondere alle esigenze dei clienti.

Il primo desk apre questa settimana a Parigi (concentrato sul mercato parigino), e altri uffici seguiranno nel 2022. Anche Madrid ha avviato questo nuovo servizio alcuni mesi fa.

I servizi offerti spaziano dall'interior design e la disposizione di tutti i tipi di spazi alla decorazione e consigli d'arredo. Interni BARNES si impegna in una selezione accurata di aziende e architetti valutati e si mette costantemente in competizione per garantirti una qualità di realizzazione all'altezza delle tue esigenze nel rigoroso rispetto delle specifiche del tuo progetto e del tuo budget.

Gli ultimi progetti firmati BARNES Interiors

Apriamo le porte di 3 universi, una villa privata a Parigi, un duplex a Saint-Germain-en-Laye e un appartamento “pied-à-terre” a Parigi.

Parigi XVIe – Villa Montmorency – 4.305 piedi quadrati

Ristrutturazione totale e sistemazione paesaggistica di un palazzo privato compresa la creazione di un ampliamento. Lo spirito originale è stato preservato attraverso una decorazione contemporanea sobria, con materiali di qualità.

Saint-Germain-en-Laye – Duplex – 1.291 piedi quadrati
Budget di ristrutturazione: 250.000 €

Ristrutturazione generale di una bifamiliare sottotetto in mansarda e allo spirito grezzo.
L'ultimo piano comprendeva una mansarda che è stata trasformata in soggiorno, cucina e camera da letto per bambini. Una superba ottimizzazione dello spazio.

Parigi – Appartamento – 699 piedi quadrati
Budget di ristrutturazione: 60.000€

Ristrutturazione completa di un appartamento parigino con ristrutturazione degli spazi.
Lavora su volumi, colori e materiali.
Un camino in rovere del '700 riscalda il primo piano.

Contattaci

New York non è morta – Mercato immobiliare ancora forte

Leggi l'articolo qui

La pandemia di COVID-19 ha cambiato il nostro modo di comportarci e ha avuto un profondo impatto economico e sociale sulle società di tutto il mondo. Non sorprende quindi che il mercato immobiliare sia stato colpito, soprattutto in una megalopoli come New York City, dove i prezzi delle case possono portare le persone a vivere vicine in appartamenti angusti. È stata anche una reazione naturale quella di volersi allontanare dalla città, in un sobborgo o anche più lontano dove si potesse affittare una casa spaziosa e godersi aria più fresca e verde.

Tuttavia, New York sarà sempre New York e, nonostante una diminuzione dei prezzi di affitto e vendita nel corso del 2020, i prezzi sono tornati a un livello pre-pandemia e le persone sono pronte a tornare nella vivace e vivace Grande Mela. Il mercato immobiliare di New York è ancora forte e resistente e ci sono ancora grandi opportunità, soprattutto nei nuovi sviluppi.

BARNES ti accompagna in tutte le tue attività immobiliari a New York e all'estero grazie alla sua rete internazionale e globale, e ai suoi 100 uffici nelle destinazioni e capitali mondiali più ambite, e con tre espansioni previste: a Greenwich, Connecticut, Hamptons e New Maglia.

Vendere casa in caso di divorzio: qual è la procedura?

Di Myriam Benhamou

Una delle difficili conseguenze di un divorzio è che spesso devi vendere la casa di famiglia. Certo, spesso le case vengono vendute, e per una serie di motivi – ad esempio la necessità o il desiderio di acquistare più o meno, o di cambiare quartiere o città – e mentre questi eventi possono certamente essere motivo di ansia e trepidazione, si può generalmente presumere che i venditori vivranno questo evento relativamente bene e che la maggior parte non vedrà l'ora di trasferirsi nella loro prossima casa. Ma quando la motivazione è un divorzio, è probabile che la situazione sia molto diversa e, a meno che il divorzio non sia amichevole, ci sono buone probabilità che la vendita si riveli molto più difficile.

Per comprendere meglio la situazione, dobbiamo prima parlare dell'importanza della casa di famiglia prima di poter discutere delle sfide inerenti alla sua vendita e di come affrontare queste sfide e infine evidenziare i vantaggi di lavorare con un agente immobiliare specializzato in divorzio.

L'importanza della casa famiglia

Per cominciare, la casa è un bene che rischia di avere significati diversi per le parti coinvolte e diventa ancora più complicato quando ci sono bambini che vivono ancora in casa.

  • Innanzitutto c'è l'aspetto emotivo: la casa custodisce ricordi e, per molti, ricordi di un periodo più felice in cui i coniugi facevano sogni e facevano progetti insieme per il futuro. È stato testimone dei primi passi del bambino, delle feste di compleanno o delle cene festive della famiglia. E mentre i ricordi felici possono essere gradualmente trasformati in brutti ricordi (a volte anche incubi), dover lasciare la casa può essere ancora difficile da accettare, e questo è spesso a causa di ciò che la casa di famiglia rappresenta tradizionalmente.
  • La casa famiglia, infatti, è generalmente sinonimo di stabilità, sicurezza (soprattutto per i figli) e per alcuni anche di status sociale. 
    • Permette di delineare il perimetro familiare e dare sostegno ai familiari.
    • Contribuisce al senso di appartenenza e alla nozione di identità.
    • È un santuario che protegge la nostra privacy e ospita tutto ciò che è importante per noi e al quale siamo attaccati (che siano persone, effetti personali o souvenir).
    • Infine, preserva il legame familiare e sociale ed è quindi il luogo in cui ci si aspetta che i bambini prosperino. 

Le conseguenze possono essere catastrofiche per il coniuge costretto a lasciare la casa; conseguenze spesso amplificate nel contesto del “divorzio grigio” dove le coppie si separano tardi, dopo diversi decenni trascorsi insieme. I “divorzi grigi” sono difficili per entrambe le parti, ma sfortunatamente spesso lo sono ancora di più per le donne che per gli uomini e possono danneggiare gravemente le finanze di entrambi i coniugi. In effetti è più difficile ricostruire finanziariamente per ovvie ragioni legate all'età e al fatto che non c'è molto tempo rimasto per trovare lavoro o continuare a lavorare. Allo stesso modo, uno dei coniugi potrebbe non aver avuto gli stessi progressi di carriera o potenziale di guadagno. Di conseguenza, il viaggio di vita di uno o entrambi i coniugi sarà spesso completamente interrotto.

Quindi, quali sono le sfide?

Sfide

Sono numerosi e sono presenti in ogni fase della transazione.

  • Motivazione.  Le motivazioni e le aspettative dei coniugi per la vendita possono essere completamente diverse. Ad esempio, un coniuge potrebbe voler vendere il prima possibile (e quindi non necessariamente al prezzo più alto) per poter ricominciare la propria vita con la persona che ha già incontrato. Ma per l'altro coniuge, maggiore è il prezzo di vendita della casa di famiglia, maggiori sono le possibilità del coniuge di trovare un appartamento decente
  • Contratto di vendita in esclusiva. Se entrambi i coniugi sono titolari, entrambi i coniugi devono firmare il contratto di vendita in esclusiva con l'agente immobiliare – il che significa che l'agente rappresenterà entrambe le parti, in una situazione che può essere molto conflittuale.  
  • Mancanza di cooperazione. Rappresentare una coppia può essere difficile nel migliore dei casi, ma almeno gli sposi hanno un obiettivo comune: vendere la casa al miglior prezzo possibile; ed è quindi ragionevole prevedere di poter trovare un accordo comune. Qui però gli obiettivi sono diversi, le motivazioni sono diverse e soprattutto la vendita avrà conseguenze che possono essere radicalmente diverse per ciascuna parte. C'è, quindi, una buona probabilità che le parti prendano decisioni separatamente e siano contenziose su qualsiasi cosa.
  • Prezzo di vendita. Prima di poter sottoscrivere il contratto di vendita in esclusiva con l'agente immobiliare, le parti devono concordare il prezzo di vendita. Possono presentarsi diversi scenari: una parte è molto attaccata emotivamente alla casa e pensa che valga molto di più che in realtà; o una parte potrebbe voler ottenere più denaro possibile perché ne ha bisogno dopo il divorzio poiché il suo futuro finanziario può dipendere da quanto denaro deriva dalla vendita; oppure le parti sono semplicemente arrivate a detestarsi a vicenda e non vogliono collaborare. Questo può portare a feroci litigi tra i coniugi con pochissimo spazio lasciato per un risultato ragionevole.  
  • Dinamiche di vendita. Le parti devono anche concordare dettagli come la preparazione della casa per la vendita (es. decluttering e stoccaggio, che richiede una certa collaborazione e che costa denaro); tempi accettabili per le visite dei potenziali acquirenti; o quanto spendere in pubblicità o marketing.
  • Offerta. Entrambe le parti devono accettare un'offerta ed essere disposte a negoziarla.
  • Chiusura della transazione. Infine, i coniugi devono accettare e firmare i documenti necessari per la chiusura della vendita, che ancora una volta richiede una certa collaborazione.

Come affrontare queste sfide e quali sono i vantaggi di lavorare con un agente immobiliare specializzato in divorzi?

Qual è il modo migliore per affrontare queste sfide e perché è importante assumere un agente immobiliare specializzato in divorzi? Come è stato dimostrato, una vendita risultante da un divorzio non può essere considerata una transazione regolare perché non è una transazione regolare.

  1. Perché un agente immobiliare specializzato in divorzi è una risorsa

Per poter ricevere una certificazione come "Specialista in divorzio certificato immobiliare", un agente deve ricevere una formazione preventiva che gli permetta di riconoscere le sfide applicabili e affrontarle prima che diventino ingestibili. Questo specialista è meglio attrezzato di un agente più tradizionale per assistere una coppia che sta divorziando perché ha una migliore comprensione delle ramificazioni di un divorzio (finanziarie, legali o psicologiche) e del suo impatto sulla vendita della casa. L'agente può quindi fornire a una coppia divorziata il supporto necessario durante tutto il processo. 

2. Come si possono affrontare queste sfide?

È importante lavorare con un agente immobiliare che sappia:

  • Rimani neutrale. L'agente deve prima ricordare che l'agente rappresenta entrambe le parti e che è molto improbabile che cooperi tra loro, ma nondimeno l'agente deve rimanere neutrale e imparziale e deve adottare un approccio diplomatico per ogni decisione (compreso sapere quando è consigliabile dare alle parti lo spazio di cui hanno bisogno per raggiungere un consenso). Questo non è sempre facile perché, in alcuni casi, uno dei coniugi ha già lasciato la casa coniugale, il che significa che per necessità (ad esempio organizzando visite) l'agente tende ad essere più in contatto con uno dei coniugi rispetto all'altro, e talora quel coniuge diventa via via più a suo agio e può indulgere in alcune confidenze che possono intaccare la neutralità della rappresentazione.
  • Comunicare. L'agente deve spiegare molto chiaramente come intende comunicare con entrambe le parti (tenendo presente che entrambe devono essere tenute sempre informate e con le stesse modalità).
  • Affidati ai fatti. Decidere il valore della casa può essere difficile perché le parti hanno spesso idee molto diverse sul valore della casa in questione. L'agente deve proporre un prezzo di vendita che si basi chiaramente sulla realtà del mercato. Dovrà quindi predisporre una valutazione dettagliata, basata sui fatti, in cui l'agente dovrà effettivamente dimostrare nel dettaglio le precedenti vendite comparabili per far capire che il prezzo proposto è in linea con il mercato. È anche un modo per rimuovere l'aspetto emotivo dall'equazione.
  • Rimani flessibile. L'agente deve saper rimanere flessibile (e paziente!). Alcuni sposi, infatti, diventano dei veri maestri nell'arte di ritardare la vendita.

Myriam Benhamou è un agente immobiliare associato autorizzato e uno specialista in divorzio certificato immobiliare ed è al tuo servizio, sempre pronto a soddisfare le tue esigenze abitative e a proteggere il tuo interesse. Contatta BARNES New York qui sotto per dirci di più sulle tue esigenze.

Contattaci

Aggiornamento del mercato e annuncio della serie di webinar

Riaprono le frontiere! Finalmente… Molti di voi stavano solo aspettando questo segnale per entrare nella Grande Mela e realizzare il vostro grande progetto immobiliare, che è rimasto inattivo per quasi due anni. Avrai quindi scelto il momento giusto, in un contesto di mercato ancora teso da un lato ma rassicurante dall'altro. Ed è proprio questo aspetto rassicurante, stabile e resiliente del mercato newyorkese che lo rende un mercato immobiliare imprescindibile.

Infatti, come già avvenuto in passato durante altre “crisi”, l'impatto della pandemia di Covid-19 (da un punto di vista strettamente immobiliare significa) qui si è fatto sentire solo in modo limitato (calo dei prezzi di rivendita di da 10 a 15% nel 2020) e temporaneo (concentrato sul secondo e terzo trimestre del 2020). Gli impatti maggiori si sono avvertiti soprattutto su nuovi progetti di sviluppo, locazioni e immobili commerciali.

Oggi l'immobiliare residenziale è tornato al livello pre-pandemia e i margini di negoziazione sono ora stretti nella rivendita; siamo chiaramente in un "mercato del venditore" con scorte limitate e forte domanda.

Per quanto riguarda le novità, le “vendite” che abbiamo promosso nel 2020 sono piuttosto finite. Poiché l'inventario è ancora ampio, c'è ancora un margine di manovra interessante, purché si scelga il partner giusto per il proprio progetto. È proprio questo l'obiettivo dell'istituzione da parte di BARNES New York di un webinar mensile in lingua francese, su il primo martedì di ogni mese, presentando vari nuovi programmi di sviluppo di New York, mettendo in evidenza la nostra esperienza nel campo. Appuntamento per la prima opera martedì prossimo, il 5 ottobre alle 12:00 EST (18:00 FR) per scoprire i seguenti programmi:

  • 300 ovest (West Harlem)
  • The Ritz-Carlton Residences (NoMad)
  • St Marks Place (Boerum Hill, Brooklyn)

Per favore Contattaci per registrarti gratuitamente!

Il settore degli affitti si è completamente ripreso con un mercato che va molto a vantaggio dei proprietari. Per quanto riguarda gli immobili commerciali, continua a soffrire in una certa misura, con un pieno recupero, almeno una correzione stabilizzata, prevista almeno entro il 2023.

Il nostro team di esperti, multilingue, continua ad espandersi, includendo un nuovo ufficio nella lussuosa e multiculturale contea di Westchester; e, come sempre, resta a tua completa disposizione per assisterti nella realizzazione del tuo progetto immobiliare a New York.

Comprare un immobile a New York: i consigli degli esperti

Bien Vivre aux États-Unis:
il 1° spettacolo digitale per i francesi negli Stati Uniti

BARNES New York & Westchester vi invita alla conferenza dedicata al mercato immobiliare di New York, “Buying real estate in New York”, in occasione della sua partecipazione alla mostra online “Bien Vivre aux Etats-Unis”.

Questo evento digitale si svolgerà il Lunedì 13 settembre alle 12.00 (fuso orario EST). La fiera si svolgerà poi per tutta la settimana fino al 17 settembre, presentando una serie di conferenze con relatori esperti per supportare gli espatriati negli Stati Uniti, sia che vi siate stabiliti da molto tempo o che sogniate ancora di viverci.

Yann Rousseau, Managing Partner di BARNES New York & Westchester, si unirà alla discussione con Betty Benzakein di HSBC e Amélie Deschênes di OFX, affrontando in particolare:

  • Il processo di acquisizione e leasing di New York
  • Aggiornamento sullo stato del mercato immobiliare a New York e Westchester per il terzo trimestre del 2021
  • Formalità di insediamento o di “trasferimento”
  • Quartieri preferiti
  • I diversi prodotti immobiliari disponibili
  • Il ruolo dell'agente immobiliare

Lunedì 13 settembre alle 12:00 EST / 18:00 CEST

Questo evento è sponsorizzato da Stati UnitiFrancia Finanza e organizzato da Mattina francese.

WhatsApp
it_ITItalian
Consenso sui cookie con banner sui cookie reali