Chelsea, uno dei quartieri più cool del mondo

Intervista di Rachel Brunet, direttrice e caporedattrice di Le Petit Journal New York

Si estende dalla 14th Street alla 34th Street e dalla 6th Avenue fino al fiume Hudson. Il quartiere di Chelsea è appena entrato nella classifica Timeout dei “49 quartieri più cool del mondo”. Questo quartiere del West Side di Manhattan è noto per i suoi numerosi ristoranti, i suoi luoghi famosi, tra cui la High Line, ma anche le sue gallerie d'arte. Tra l'inaugurazione di The Little Island quest'anno e l'inaugurazione della mostra 'Jean-Michel Basquiat: King Pleasure', la prossima primavera, immersi nel quartiere di Chelsea, uno dei più “gay friendly” di Manhattan, ma quartiere che ha anche un tocco francese di qualche tipo...

Chelsea tra i quartieri più cool del mondo

La classifica”i 49 quartieri più cool del mondo” della famosa rivista Timeout è appena uscito e assegnato a 49 quartieri sparsi ai quattro angoli del pianeta con il titolo di “quartiere più cool del mondo”. Il quartiere di Chelsea a Manhattan è al sesto posto.

Dal “speak easy” ai mercatini delle pulci, ristoranti, bar gay agli edifici verdi, il quartiere di Chelsea soddisfa tutti i gusti. Chelsea è un felice connubio tra stile industriale e costruzione contemporanea, con una parola d'ordine: passeggiare. Ristoranti alla moda, caffè, piccoli negozi e apertura all'acqua e alla natura, se Chelsea ha fatto il suo ingresso nella classifica di Timout, c'è un buon motivo.

Chelsea è uno dei quartieri più antichi di New York ad aver mantenuto il suo nome originale. Nel 1750, un imprenditore inglese di nome Thomas Clarke acquistò un pezzo di terra "dieci blocchi quadrati" vicino al fiume Hudson e chiamò la tenuta "Chelsea" dopo la casa di un soldato vicino a Londra. Nel corso degli anni, gli sviluppatori hanno costruito il cuore di Chelsea tra la 14a e la 23a strada a ovest dell'Ottava Avenue e hanno progettato il quartiere con i confini che conosciamo oggi. Tra i monumenti, in senso letterale e figurato, del quartiere di Chelsea, il famoso Chelsea Hotel, il Madison Square Garden, la High Line, il Chelsea Market, The Little Island… Ma non solo! Chelsea è un quartiere che ha i suoi segreti.

I segreti del Chelsea

La parte superiore degli edifici in mattoni e della torre dell'acqua su un tetto di Chelsea.

La Gran Loggia di New York è la più grande e antica organizzazione indipendente di massoni di New York. Fondata il 15 dicembre 1782, la Gran Loggia ha giurisdizione su circa 60.000 massoni. La storica struttura 23rd Street e 6th Avenue ha ospitato varie raccolte di sangue ed eventi di beneficenza, nonché il programma di identificazione della sicurezza massonica di New York.

Un altro dei segreti di Chelsea, la bomba atomica… Sebbene gran parte della ricerca sul progetto si sia svolta presso la Columbia University, anche Chelsea ha svolto un ruolo piccolo ma importante nello sviluppo della bomba atomica. Sulla West 20th Street, tre edifici un tempo costituivano i magazzini Baker e Williams, che ospitavano migliaia di tonnellate di uranio. Alla fine degli anni '80 e all'inizio degli anni '90, il governo federale ha ripulito gli edifici dall'uranio residuo, eliminando oltre una dozzina di barili di scorie radioattive.

Un altro, più dolce segreto... L'edificio che oggi ospita il Chelsea Market era un tempo la sede della National Biscuit Company, o Nabisco. La fabbrica aprì ufficialmente nel 1890 quando otto panifici si unirono per creare un "super panificio" e continuò ad espandersi fino al 1958 quando l'azienda lasciò Manhattan. Nel 1912 Nabisco inventò a Chelsea il suo prodotto senza dubbio più famoso: il biscotto Oreo. Il capo scienziato alimentare Sam Porcello ha creato la ricetta, che è rimasta in gran parte invariata oltre un secolo dopo. L'azienda produceva anche prodotti classici come Saltines, Vanilla Wafers, Fig Newtons e Barnum's Animal Crackers. Molti resti della fabbrica originale di Nabisco sono ancora lì. Entrando nel Chelsea Market dalla 9th Avenue tra la 15th e la 16th Street, la targa Nabisco risalente al 1898 trionfa ancora.

Un po' di Francia a Chelsea

Vista del centro cittadino di Manhattan da un giardino a Chelsea, con una terrazza in primo piano e la gente che guarda lo skyline.

Mentre molti potrebbero pensare La linea altaIl concetto di trasformare vecchi binari del treno in un parco è stato avviato a Chelsea, The High Line è stato in realtà ispirato dal progetto parigino, La Coulée Verte, situato nel 12° arrondissement della capitale francese, costruito nel 1993 da una linea ferroviaria in disuso. Il progetto, sia architettonico che verde, segue la vecchia linea ferroviaria di Vincennes e attraversa un viadotto sopraelevato per raggiungere la Bastiglia. La High Line, la controparte americana della Coulée Verte, doveva avere uno spazio commerciale al di sotto, ma i piani furono scartati dopo che gli spazi sotto il parco furono privatizzati.

Con quasi 40.000 francesi ufficialmente stabiliti a New York, Chelsea è anche un quartiere occupato da espatriati. Sulla 29th Street, tra 7th e 8th Avenue, il ristorante O'Cabanon ha preso residenza dal 2015 con il suo negozio annesso dove puoi trovare una vasta gamma di prodotti francesi: biscotti, conserve, sciroppi, formaggi, salumi, cioccolato, cosmetici e anche libri in francese.

Più a sud, all'interno dello stesso Chelsea Market, il pasticcere normanno Jérémie Rousselet officia al Tiny Feast. Su una nota molto francese, nel menu sono presenti panini baguette prosciutto / gruyère, taglieri di salumi e ciambelle. “Ho molti bei ricordi con le ciambelle: mi ricordano l'estate e le vacanze, il loro profumo delizioso, e quando ero bambino, in Francia, quando andavo in pasticceria dopo la scuola per mangiare una ciambella” spiega lo chef francese sul sito Tiny Feast.

Sulla 7th Avenue, tra 19 e 20e rue, Le Singe Vert, un bistrot dall'arredamento romantico che serve salumi, lumache, zuppa di cipolle, insalata di indivia con confit d'anatra, tartare di manzo o anche un mercante di tab wine.

Sempre a Chelsea è nato il Chelsea Film Festival 2013, sponsorizzato dai francesi Ingrid Jean-Baptiste e Sonia Jean-Baptiste e di cui si è appena conclusa la nona edizione. Questo festival dedicato alla settima arte, mette in evidenza e premia i registi internazionali indipendenti o emergenti. Quest'anno, dei 141 film presentati, 11 sono stati prodotti da registi francesi.

Chelsea, questo quartiere dove è bello passeggiare, lavorare e vivere, resta comunque un quartiere costoso di New York. “A settembre 2021, a Chelsea, il prezzo di vendita medio era $1.289.000 e riportato in superficie il prezzo mediano era $1.491 / piedi quadrati. Per gli affitti, il prezzo medio di affitto a settembre è stato di $3.675 per un monolocale, $5.150 per un bilocale e $7.450 per un bilocale "spiega Yann Rousseau, Managing Partner di BARNES New York.

Caro, ma bello, lo è anche il Chelsea...

Intervista di Rachel Brunet, direttrice e caporedattrice di Le Petit Journal New York

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

it_ITItalian
Consenso sui cookie con banner sui cookie reali