«Quartieri di New York City»: esplorando Yorkville

Intervista di Rachel Brunet, direttrice e caporedattrice del Petit Journal New York

BARNES New York ti invita nella sua serie di articoli senza titolo "New York City Neighborhoods", dove puoi scoprire regolarmente i diversi quartieri della città, agli occhi dei francofoni che si sono stabiliti lì. Ci raccontano tutto del loro quartiere, con le loro parole, i loro gusti, le loro abitudini. Oggi esploriamo Yorkville, un quartiere in un quartiere, quello dell'Upper East Side. Hélène Drummond, ieri un medico, ora autore, è di Mons, Belgio. Ha appena pubblicato il suo primo romanzo “La place est prise”. Vive a Yorkville con suo marito, che lavora nella finanza, e i loro due figli. Ci racconta di Yorkville.

Lepetitjournal.com New York: Vivi a Yorkville, nell'Upper East Side. Cosa ti ha attratto di questo quartiere?

Hélène Drummond : Quando ci siamo trasferiti dal Belgio, siamo arrivati in questo quartiere senza saperlo, grazie alla scuola dei bambini. Per trovarci nell'area geografica corretta per Manhattan New School, PS 290, dovevamo vivere nel quartiere. Avevamo chiesto informazioni su diverse scuole prima di trasferirci e avevamo visitato alcuni appartamenti a seconda delle aree geografiche di queste scuole. Siamo stati subito attratti dalla scuola PS 290.

Puoi raccontarci la vita in questo quartiere, l'atmosfera? Cosa lo fa vivere, cosa lo guida?

L'ambiente è molto giovane e dinamico. Direi che le risate dei bambini, gli scooter, le terrazze dei ristoranti, la via dello shopping 86th Street, il mix culturale, tutto questo anima il quartiere.

Sei una mamma. Com'è la vita con i bambini a Yorkville? Ci sono molte famiglie?

Sì, ci sono molte famiglie. È una zona molto ben posizionata con scuole eccellenti. La scuola elementare pubblica PS 290 è fantastica, ci sono anche molte scuole private molto rinomate nelle immediate vicinanze. Central Park è molto vicino per le passeggiate e il bellissimo Carl Schurze Park che le famiglie amano per il suo parco giochi, gli angoli ombreggiati e l'atmosfera romantica. Ci sono innumerevoli società sportive di arti marziali, basket, danza, calcio e il rinomato centro sportivo Asphalt Green che offre non solo favolosi programmi sportivi per bambini di tutti i livelli, ma anche corsi durante le vacanze scolastiche.

Sei uno scrittore. Puoi descriverci questo quartiere con parole tue?

Direi che Yorkville per me è l'altra faccia dell'Upper East Side. È un quartiere che confina con il vecchio Upper East Side, super chic, serioso e conservatore, quello di Madison Avenue o Park Avenue, pur conservando la propria identità. Quando attraversi l'Upper East Side da Central Park, rimani abbagliato dall'architettura delle strade, dalla raffinatezza dei negozi, dagli abiti dei passanti. Più andiamo avanti, più ci sentiamo piccoli. Anche un po' più irritato dallo snobismo.

Poi arriviamo su Lexington Avenue, proseguiamo per la nostra strada e tutto cambia. Scopriamo Yorkville: il giovane, il caldo, l'accogliente. L'arredamento cambia improvvisamente, sempre chic, ma brulicante di vita, bambini, ristoranti, terrazze, rumore, tutto. Non è la cacofonia del midtown, e non è l'opulenta tranquillità dell'Upper West Side: è una piccola cittadina all'interno della città stessa, che, credo, è stata in grado di ricreare il meglio della vita di New York. Yorkville ha ridefinito l'Upper East Side.

Come europeo, riesci a trovare una sorta di lato o sentimento europeo in questo quartiere attraverso gli abitanti, i negozi, le scuole?

Non specificamente solo europeo ma internazionale in senso più generale. Alla scuola PS290 sono rappresentate quasi tutte le nazionalità. Al club sportivo dei miei figli, Asphalt Green, è la stessa cosa. Quell'aspetto cosmopolita è favoloso.

I tuoi posti preferiti a York City?

Ristoranti: ToloAche, un ristorante messicano 82nd street e Lexington avenue; 83 1/2, ristorante italiano sulla 83a strada e 1a avenue; AOC East, bistrot francese sulla 83a strada e 1a avenue; Boqueria, bar di tapas sulla 77a strada e 2a avenue; Donguri, ristorante giapponese gourmet sulla 83a strada e sulla 2a strada, l'aragosta di Luke sulla 81a strada e sulla 2a strada, il ristorante preferito dai miei figli).

Bar-ristorante: Le Penrose, sulla 2a avenue, tra l'82a e l'83a strada. Ottimi cocktail e ottima atmosfera.

Maison Kayser sulla 87th Street e sulla 3rd Avenue, per la mia cioccolata calda quasi quotidiana.

Negozio Ottomanelli Brothers, 82nd Street e York Avenue. Macelleria gestita dalla famiglia Ottomanelli da diverse generazioni. Le migliori bistecche della città.

Takunya Nail Salon: atmosfera zen e intima, prodotti biologici 100%, 81a strada tra la 2a e la 3a avenue.

Asphalt Green: Complesso sportivo sulla 90th Street e York Avenue, con campo da calcio certificato FIFA e piscina olimpionica. I miei figli giocano nell'Asphlat Green Soccer Club, quindi ognuno di loro ci va almeno 4-5 volte a settimana per gli allenamenti / le partite. Sì, questa è la nostra seconda casa...

Il piccolo cinema AMC Orphéum sulla 3rd avenue tra l'86th street e l'87th street.

La Webster Library, sulla 77th street e sulla 1st avenue.

Negozi Barnes & Noble e L'Occitane sulla 86a strada tra la 3a e Lexington avenue.

Randall's Island e l'Esplanade lungo l'East River per gite in bicicletta.

Alberi in fiore per le strade in primavera…

È un quartiere che consigli a chi vuole acquistare o affittare?

Assolutamente. Soprattutto alle famiglie.

Se dovessi descrivere Yorkville in 3 parole?

A misura di famiglia, dinamica e cosmopolita.

Grazie Helene Drummond

Intervista di Rachel Brunet, direttrice e caporedattrice del Petit Journal New York

Leggi l'articolo su Le Petit Journal New York

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

it_ITItalian
Consenso sui cookie con banner sui cookie reali