«Quartieri di New York City»: esplorazione di Carroll Gardens

Intervista di Rachel Brunet, direttrice e caporedattrice del Petit Journal New York

BARNES New York ti invita nella sua serie di articoli senza titolo "New York City Neighborhoods", dove puoi scoprire regolarmente i diversi quartieri della città, agli occhi dei francofoni che si sono stabiliti lì. Ci raccontano tutto del loro quartiere, con le loro parole, i loro gusti, le loro abitudini. Oggi esploriamo Giardini di Carroll, un quartiere di Brooklyn, con Laurene Hamilton. Ieri revisore dei conti in finanza, la giovane madre è ora guida turistica e fondatrice della propria azienda. Ci mostra il suo quartiere – dove vive con suo marito, uno specialista di computer, e i loro due bambini piccoli – con tanta passione ed entusiasmo.

Lepetitjournal.com New York: Vivi a Carroll Gardens. Cosa ti ha attratto di questo quartiere?

Laura Hamilton : Cercavo un quartiere sicuro e adatto alle famiglie che offrisse anche vita notturna, a una distanza ragionevole da Manhattan. Mi piaceva di più quell'equilibrio, perché rimango una persona molto urbana. Preferisco vivere in un piccolo spazio e poter avere accesso a un ambiente esterno che mi ispira.

Puoi raccontarci la vita in questo quartiere, l'atmosfera? Cosa lo fa vivere, cosa lo guida?

L'atmosfera è molto intima, come un piccolo villaggio, con tanti negozi locali e indipendenti. E' un'affascinante area verde – da cui il nome – tranquilla ma vivace allo stesso tempo. Potresti incontrare famiglie, single, coppie e persino attori come Neve Campbell. Le persone sono rilassate ma non trascurate. Un tempo abitati principalmente da americani di origine italiana, alcuni stabilimenti offrono ancora prodotti italiani da morire. Ad esempio, la pasticceria Monteleone in via Corte vende tutti i tipi di biscotti a base di mandorle in polvere. Prova i biscotti Rainbow, sono buoni da morire. Un altro esempio di istituzione di quartiere: Caputo. Le persone comprano il loro pane ogni giorno e ti chiamerai "Miele". Per gli appassionati di storia, dai un'occhiata alla Chiesa di Maria delle Stelle dove il famoso Al Capone si sposò nel 1918 a soli 19 anni! Da Carroll Gardens, sei vicino a Red Hook per una passeggiata, nel mezzo di capannoni industriali con viste incredibili di Staten Island o persino di Lower Manhattan.

La sera, locali elencati come Barely sfigurato, dove si può bere un drink sul letto a baldacchino, o Ugly Baby, un incredibile ristorante tailandese, attirano anche i giovani per sfamare il loro stomaco e i loro post su Instagram. Chissà, se sei davvero motivato, farai la fila anche tu al Lucali per mangiare una delle migliori pizze di New York?

Sei una giovane mamma. Com'è la vita con i bambini a Carroll Gardens che ovviamente piace molto alle famiglie?

Ci piace! Il quartiere è pieno di posti per bambini. La vita è piacevole e le nostre tradizioni di famiglia si radicano qui. A volte ci sediamo su gradini - gradini di arenaria - per mangiare un dolore al cioccolato mentre osserva i passanti. I bambini lo adorano. Quando torno a casa dall'asilo, mio figlio saluta il fornaio di Caputo. Incontriamo spesso conoscenti e camminiamo fianco a fianco chiacchierando. In caso di pioggia, la caffetteria Planted è l'ideale per uscire di casa e tenere occupati i bambini con uno spazio gioco dedicato. Accanto, hanno anche un negozio a zero rifiuti. In estate, le fontane dei parchi attirano tutti i bambini del quartiere. Le stagioni passano e i bei ricordi rimangono. Carroll Gardens è un quartiere inclusivo e tollerante a misura d'uomo. Incontrerai persone anziane, giovani, famiglie, comunità LGBT, ecc. Puoi sentire l'apertura nelle interazioni che le persone hanno tra loro o anche nei gruppi di social network del quartiere. L'aiuto è palpabile quando una famiglia del vicinato è in difficoltà.

Sei una guida turistica. Puoi dirci qual è il percorso migliore da fare per scoprire questo quartiere?

Amo così tanto il mio quartiere che sto lavorando alla pianificazione di uno speciale tour di Halloween. L'anno scorso con i miei clienti abbiamo anche festeggiato insieme Halloween. Tutti gli abitanti erano fuori. I vicini hanno condiviso una bottiglia di vino sui gradini mentre distribuivano dolci durante il tradizionale "dolcetto o scherzetto". È davvero un quartiere amichevole. Ecco un'idea di un percorso per immergersi nella sua atmosfera.

Da francese, trovi un po' di francese in questo quartiere attraverso gli abitanti, i negozi, le scuole?

Sì ! Sentiamo molto parlare francese. Ci sono diverse scuole che offrono corsi di francese. La più nota è la scuola pubblica PS 58, che ha un programma bilingue (attenzione alle zone che cambiano) o la International School of Brooklyn (ISB), una scuola privata che offre un programma con il francese. Durante le elezioni presidenziali francesi, è in quei locali dell'ISB che si voterà. Nel migliore dei casi trovi rapidamente la tua strada tra i francesi anche se non ci conosciamo personalmente. Non per niente questo quartiere è soprannominato Petite France (Piccola Francia). Così un mini supermercato francese, Le French Tart Deli, ha aperto di recente: ci sono calissons, pasticceria tradizionale francese, marmellate e tutti questi prodotti che mi ricordano la mia infanzia in Francia. Il ristorante La Cigogne offre specialità alsaziane in una calda atmosfera intorno a un fuoco di legna in inverno. Perfetto per gustare un Flammekueche o uno spaetzle.

I tuoi posti preferiti a Carroll Gardens?

La mia caffetteria preferita: Planted, per l'atmosfera zen e naturale del bar: graziosi tavoli in legno circondati da piante, niente musica ad alto volume, un impegno zero rifiuti e a sostegno della comunità LGBTQ.

Per un caffè esotico: Le Petit Café, costruito intorno agli alberi in un ambiente zen.

Per consumare in modo intelligente: I libri sono magici, una piccola libreria indipendente che organizza presentazioni di libri con scrittori.

Per lavorare in pace al computer sorseggiando una bibita: Brooklyn Farmacy & Soda Fountain

Gersi: Per una cena italiana con un tocco neo-americano o un brunch, consiglio questo ristorante. Siediti nel loro cortile, semplicemente divino! Molti stabilimenti della zona hanno giardini sul retro, quindi in estate tutti mangiano fuori.

Kittery: Per un buon involtino di aragosta con un bicchiere di vino bianco in terrazza.

È un quartiere che consigli a chi vuole acquistare o affittare?

Tutto dipende dal punto di vista della persona. Se l'obiettivo è realizzare plusvalenze a breve termine, non credo che questo sia il quartiere migliore, perché la sua reputazione è già consolidata. I Carroll Gardens continuano ad attrarre di sicuro. Se invece stai pianificando a lungo termine, l'acquisto potrebbe essere una buona opzione. Il noleggio è spesso un buon primo passo. Le persone di solito finiscono per apprezzare il mio quartiere e tendono a restare a lungo.

Grazie Laurane!

Intervista di Rachel Brunet, direttrice e caporedattrice del Petit Journal New York

Leggi l'articolo su Le Petit Journal New York

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

it_ITItalian
Consenso sui cookie con banner sui cookie reali