Il mercato immobiliare di New York mentre la pandemia si placa

Da diversi mesi, il Pandemia di covid-19 ha cambiato le nostre abitudini personali e professionali. Per far andare avanti l'economia nonostante le istruzioni più severe, in particolare con l'"ordine di restare a casa" annunciato dal Governatore, i dipendenti si sono adattati e hanno dovuto trovare soluzioni per lavorare da remoto. Nello Stato di New York, anche se la pandemia sta gradualmente svanendo, il contenimento è ancora necessario. Tuttavia, il mercato immobiliare continua ad avanzare, in attesa di una riapertura ufficiale del settore, prevista per fine giugno.

Una valorizzazione degli spazi esterni, degli affacci e dei locali accessori

Questo episodio di reclusione mostra una nuova consapevolezza della qualità della vita e del benessere in casa, ricercata dall'intera popolazione. Quando sono stati annunciati gli ordini di confinamento, molti abitanti delle città sono partiti per rifugiarsi nelle loro case di campagna o in affitti per le vacanze nelle montagne vicine o in riva all'oceano. Lontani da inquinamento, rumore e stress per diverse settimane, alcuni di loro hanno assaporato la pace e la serenità. Inoltre, per poter lavorare in modo efficiente a casa propria, molti hanno allestito un ufficio funzionale nel proprio alloggio.

Questa situazione avvantaggia i proprietari di immobili, sia in vendita che in affitto, che dispongono di una stanza in più per facilitare il telelavoro, uno spazio esterno di qualsiasi tipo, una visuale libera, ma anche un ambiente vicino più naturale e piacevole: allontanarsi dal posto di lavoro grazie all'emergere del telelavoro.

Nuovi strumenti di lavoro per il settore immobiliare

Nonostante il rallentamento dell'epidemia, lo Stato di New York è ancora lontano dal tornare alla “vita normale”, anche se il traffico automobilistico (e pedonale) in città sta ricominciando ad aumentare. Durante tutto il contenimento, con il divieto di visite fisiche, BARNES New York, come le sue controparti, ha adattato e sviluppato una gamma di strumenti digitali come tour virtuali, piani 3D, video e videoconferenza, per supportare al meglio i propri clienti nella realizzazione delle loro esigenze o progetti immobiliari, che non possono essere ritardati di diversi mesi. Questi nuovi strumenti hanno dimostrato le loro prestazioni e la loro reale utilità durante tutto questo periodo; ma oltre a ciò, una certa efficienza, che è abbastanza sufficiente per una formalizzazione del contratto nonostante l'assenza di visite fisiche.

Un mercato immobiliare in graduale ripresa

Per ogni crisi che New York ha vissuto negli ultimi anni, il settore immobiliare si è sempre rivelato un rifugio sicuro. Anche se il numero di transazioni e scorte sono in calo rispetto al 2019, il mercato sembra riprendersi. Ci vorrà ancora qualche settimana per vedere una ripresa su livelli equivalenti al periodo pre-pandemia, o se è imminente una nuova correzione del mercato, anche modesta, e necessariamente a vantaggio degli acquirenti. Dopo sei settimane di continuo calo del numero di transazioni, il numero di transazioni ha ripreso a salire a metà maggio, con la prima settimana a oltre 40 transazioni, anche se ancora ben al di sotto dei livelli del 2019 (-80%). Lo stesso vale per le nuove proprietà che entrano nel mercato, con oltre 130 nuove proprietà (anche se ancora 70% al di sotto dei livelli del 2019). Il fondo della curva sembra essere stato raggiunto.

Backlog di nuovi programmi

Mentre un singolo proprietario di una casa di New York raramente ha fretta di vendere, la solidità economica dei beni consente generalmente un'attesa di diversi mesi senza la necessità di ridurre drasticamente un prezzo di vendita per una vendita rapida. Questo non è il caso dei nuovi sviluppi. Proprio come le “rivendite” nel vecchio, soffrono necessariamente di un deficit di acquisizioni. Ma a questo si aggiunge uno stop ai lavori (che potrebbe finalmente riprendere nei prossimi giorni), che ritarderà di pari importo le date di consegna anticipate degli immobili, e quindi la riscossione di 80-90% delle somme contrattualmente previste. I ricorrenti costi operativi e di finanziamento di questi megaprogetti rendono estremamente gravoso anche un investimento di capitale limitato; i promotori sono tanto più concilianti nelle loro trattative.

Storicamente, non c'era praticamente spazio per la negoziazione nel mercato immobiliare di New York, con anche abbastanza frequenti “guerre di offerte”, dove le transazioni si chiudevano al di sopra del prezzo pubblico richiesto. Di recente, si è iniziato a vedere un piccolo margine di circa 5% sia sulle proprietà nuove che su quelle esistenti. Dopo la pandemia, questa cifra è rimasta costante e si prevede che aumenterà leggermente per un po', soprattutto quando si tratta di nuovi programmi. Le migliori offerte si trovano attualmente nei nuovi sviluppi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

it_ITItalian
Consenso sui cookie con banner sui cookie reali